giovedì 10 settembre 2015

Aggiornamento sul Concilio Pan-Ortodosso del 2016 - Settembre

L'articolo che segue è una traduzione libera dell'articolo At Last, a Council for the Ages, il quale riporta le parole dell'Arcidiacono Ioannis Cryssavgis, consulente teologico del Patriarca Bartolomeo I. Già apparso qualche mese fa un articolo dello stesso diacono circa il Sinodo Pan-Ortodosso, è uscito questo aggiornamento il 7 settembre e ho ritenuto opportuno pubblicarne il contenuto, sebbene sia identico a quello dell'articolo precedente

Nel 2014 i leader delle quattordici chiese autocefale della Chiesa Ortodossa si sono riuniti a Istanbul per progettare un canovaccio del sinodo del 2016, idealisticamente riunito nella chiesa di Santa Irene, adesso museo. In realtà, questo concilio era in cantiere dal 1961 - anche se vi furono proposte durante gli anni Venti e Trenta - e sarà epocale, dal momento che vi saranno patriarchi, arcivescovi e vescovi di tutte e quattordici le giurisdizioni ortodosse, e di tutti gli antichi patriarcati, esclusa Roma. 

I commentatori storici e gli analisti dovrebbero tenere a mente che non sarà un concilio il quale apparirà organizzato o ordinato, così come potrebbero apparire quelli delle Chiese Occidentali, poiché si tratta di un consenso fra chiese, e non dell'imposizione delle parole di un leader. Bisogna anche ricordarsi che spesso i conflitti che imperversano fra le giurisdizioni hanno come prima causa il potere. Una tale percezione delle cose non sarà del tutto erronea, e potrebbe risultare frustrante sia per coloro che fanno parte della Chiesa, sia per quelli che non lo sono, così infatti è stato spesso percepito - anche con dolore - il metodo democratico della Chiesa Ortodossa. 

Nelle foto i patriarchi Bartolomeo, Daniele e Cirillo, i tre primarchi delle chiese maggioritarie in Italia, quelle del Patriarcato Ecumenico, della Chiesa Ortodossa Romena e della Chiesa Ortodossa Russa

Gli argomenti del Concilio furono decisi già negli anni Settanta, se non già nel 1961, come ad esempio l'adozione di un unico calendario per tutte le chiese ortodosse; ma fondamentalmente, appare il problema di adattare la Chiesa alle istanze del mondo moderno, come ad esempio la percezione del digiuno e in particolar modo la regolamentazione del matrimonio in una prospettiva di un mondo multirazziale e multireligioso
Ulteriormente, si parla anche dell'approccio che la Chiesa Ortodossa terrà nei confronti delle altre chiese cristiane e delle altre religioni, e la risposta che la Chiesa Ortodossa darà ai cambiamenti epocali del nostro tempo.  Molti di questi argomenti hanno una cruciale importanza dal momento che si tratterà di un'apertura ecumenica la quale investirà i circoli tradizionalisti greci e slavi. 

Uno degli ordini del giorno ci interessa particolarmente: la regolamentazione dell'Europa Occidentale dal punto di vista canonico.

Un'altro problema che verrà affrontato sarà la gestione dell'Ortodossia in Europa Occidentale, col fenomeno noto come diaspora. Si cercherà di rendere effettivo il canone di un vescovo per città ( o per diocesi ) e laddove esistono più vescovi di diverse chiese etniche concorrenti per la stessa cattedra, si cercherà di spostarli altrove per creare un sistema canonico. I primarchi daranno sufficiente autonomia? e ancor più  importante, saranno interessati i vescovi di paesi come gli Stati Uniti a collaborare, o rimarranno ancorati alle proprie prospettive nazionalistiche? L'organizzazione della Chiesa Ortodossa nel mondo, in luoghi come l'Europa, l'America e l'Australasia ( Australia, Filippine, isole del Pacifico ), composta da convertiti e da migranti ormai da tempo sistemati in questi luoghi, dipenderà da quanto gli ortodossi di questi luoghi avranno maturato una visione matura e completa dell'Ortodossia - anche se molte chiese ortodosse sono ancora ancorate ad un certo provincialismo che mira a proteggere i propri affari. Questi vescovi contemporanei dovranno fare i conti con un mondo globalizzato e sembrano poco propensi a superare il parrocchialismo e la xenofobia. 

Ci saranno poi altri ordini da discutere, quale ad esempio la risposta che la Chiesa Ortodossa darà al fanatismo. E' auspicabile una risposta unica e completa ai circoli fondamentalisti mossi da alcuni monasteri particolarmente duri, sulla scia della moderata via reale di discernimento percorsa nei secoli dalla Chiesa. 

Solamente il tempo ci dirà come proseguirà questo Concilio del 2016. Sperando che il nazionalismo e poteri del mondo non prevalgano. 

2 commenti:

  1. Questo concilio è proprio ciò di cui abbiamo bisogno. Speriamo solo, come dici tu, che non prevalgano le logiche di potere, e soprattutto che non si prendano derive dottrinalmente estranee alla Santa Tradizione (è la mia preoccupazione maggiore).

    Giustino

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La mia preoccupazione è che si cada nel secolarismo su modello delle pseudo-chiese occidentali.

      Elimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.