lunedì 19 gennaio 2015

La Divinità di Cristo ( prima parte) - Teologia

La fede nella divinità di Gesù Cristo è il fondamento delle nostre convinzioni religiose. Questa fede ci dà la forza spirituale, noi in-guglie di fare il bene, e dà senso ai nostri sforzi e le nostre aspettative. Senza di essa il cristianesimo perde la sua forza ispiratrice e si riduce a una collezione di antichi miti e promesse non mantenute.
Anche se di grande importanza, la divinità di Cristo non è evidente. Ci sono anche alcuni passi dei Vangeli che sembrano contraddirla. Pertanto, coloro che contestano la divinità di Cristo non hanno difficoltà a trovare testi biblici che presumibilmente sostengono la loro opinione che Gesù Cristo era un uomo o una creatura spirituale incarnata e, pertanto, non può essere chiamato Dio nel vero senso della parola. Allo stesso tempo gli oppositori della fede della divinità di Cristo proprio per l'assenza di testi biblici in cui Gesù chiama se stesso  Dio,  da questo traggono la conclusione errata che questo titolo è stato dato a lui più tardi.

Opinioni contraddittorie riguardanti la natura di Cristo cominciarono a sorgere fin dai primi giorni del cristianesimo.  Controversie molto violente e disordini sono stati causati nel IV secolo d.C. dall'eresia ariana, la quale ha insegnato che Gesù Cristo era solo una creatura, anche se la più perfetta e potente mai creata. Questa eresia è stata accuratamente discussa dal Concilio Ecumenico I che si è tenuto nella città di Nicea nel 325. I Padri di questo Consiglio hanno respinto l'arianesimo e hanno composto un simbolo di fede, o Credo, in cui, utilizzando le istruzioni molto precise, hanno espresso il vero insegnamento riguardo a Gesù Cristo. Questo Credo è sempre stato usato dalla Chiesa Ortodossa fino ad oggi. ( e lo sarà per sempre, ndt) 

Nel nostro tempo la setta dei Testimoni di Geova ha resuscitato l'eresia ariana sconfitta dalla polvere della storia. La loro devianza insegna che Gesù Cristo è l'incarnazione di uno spirito-figlio o una creatura angelo-simile (forse di San Michele Arcangelo). Il pericolo rappresentato dalla setta dei Testimoni di Geova viene dal fatto che possiedono riserve finanziarie apparentemente illimitate e inondano il mondo con la loro letteratura e la loro predicazione. Un lavoro missionario particolarmente aggressivo è in corso in Russia, dove hanno preso migliaia di persone credenti nelle reti del loro culto.

Gli Ortodossi in Russia sono in particolare pericolo verso questi predicatori settari perché, non essendo abituati ai capricci di vivere in una società pluralistica, non sanno come difendere la loro fede, e la maggior parte di loro non hanno molta familiarità con le Sacre Scritture. D'altra parte, i predicatori settari sono esperti nei testi che sono utili a loro, in modo che possano con disinvoltura sopraffare con citazioni che soddisfano il loro scopo.

Le Scritture su Gesù

Anche se le Scritture guidate dallo Spirito Santo ripetutamente chiamano Gesù Cristo, il Figlio di Dio, coloro che vorrebbero screditare la sua divinità citano il fatto che le Scritture usano il termine "figli di Dio", non solo per riferirsi a Gesù Cristo, ma anche agli angeli e alle persone. Al fine di chiarire la questione, dobbiamo ricordare che quando ci si riferisce a persone o angeli come figli di Dio, la Sacra Scrittura usa sempre al plurale, e mai al singolare. Questo rende evidente che essi sono "figli" non per natura ma per grazia di adozione. (In caso contrario, per esempio, la designazione degli empi come "figli del diavolo" porterebbe alla conclusione assurda che hanno una origine diversa da quella dei fedeli). Le Sacre Scritture usano la forma singolare del Figlio di Dio, solo quando si parla di Gesù Cristo. E' solo a lui che le Sacre Scritture aggiungono termini chiarificatori come l'Unigenito, Figlio diletto, Figlio del Dio vivente, Figlio vero - che inequivocabilmente indicano che, a differenza di noi, Egli è il Figlio nel vero senso della parola e con la sua natura divina. Ecco perché i mormoni grossolanamente errano affermando che Gesù Cristo aveva altri divini fratellastri come Lucifero (Satana!) E altri. Le Sacre Scritture distinguono chiaramente tra il Figlio e figli: il primo è generato; tutti gli altri sono stati creati.

All'esordio della predicazione di Gesù Cristo, Dio Padre ha testimoniato di Lui dicendo: "Questo è il mio Figlio prediletto, nel quale mi sono compiaciuto" e più tardi, sul Monte Tabor, il Padre ripeteva queste parole con l'aggiunta (Matteo 3:17).: "Ascoltate Lui" (Matt. 17: 5). Questo ci comanda di accettare ogni parola di Cristo come verità completa e infallibile.

Ma come possiamo rispondere a coloro che negano la divinità di Cristo, quando Egli stesso disse: "Avete udito che vi ho detto: Vado e tornerò a voi; se mi amaste, vi rallegrereste che io vado dal Padre, perché il Padre è più grande di me."(Giovanni 14 : 28; Marco 13:32; Giovanni 5:19; Marco 14:34; Luca 22:42). Inoltre, se Gesù Cristo veramente si considerava come Dio, allora perché Egli non lo annunciò chiaramente e senza ambiguità? In questo modo, avrebbe dissipato tutti i dubbi su se stesso.

Lo scopo di questo articolo è quello di aiutare il lettore con queste domande e di dargli le informazioni necessarie per difendere la sua fede nella divinità di Cristo. Per capire perché il nostro Signore Gesù Cristo non ha annunciato pubblicamente la sua divinità, dobbiamo mentalmente tornare al tempo di Gesù.

Immaginate come le persone al tempo di Gesù avrebbero reagito alle parole di un uomo che andava in giro dichiarando: "Io sono Dio!" Indubbiamente la folla lo avrebbe ridicolizzato come fuori di testa, mentre i fanatici della religione ebraica avrebbero colto al volo l'occasione per dichiarare Lui un blasfemo e chiedere la sua esecuzione. Solo i pagani, che riconoscevano molti dèi, avrebbero accettato una tale affermazione più seriamente degli ebrei, intendendola ovviamente in termini di superstizioni. (Ricordiamo la reazione dei pagani ai miracoli dell'apostolo Paolo come erano pronti a dichiarare di lui uno dei loro dei ed offrire sacrifici per lui, Atti 14:11). Nel nostro tempo la gente si allontana con disprezzo da ogni predicatore che si è dichiarato di essere Dio. In ogni caso, una dichiarazione diretta dal Salvatore per quanto riguarda la sua divinità, non avrebbe avuto il risultato desiderato.

continua. Del Vescovo Alexander Mileant 
articolo apparso su PRAVOSLAVIE.RU. 
articolo originale: http://www.pravoslavie.ru/english/74406.htm

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.