martedì 20 gennaio 2015

La Divinità di Cristo ( seconda parte ) - Teologia

In realtà, il Figlio di Dio non è venuto nel nostro mondo a stupire i suoi contemporanei con la Sua onnipotenza o per sottometterli alla sua potenza divina, ma piuttosto a incitarli alla giustizia. Le persone erano talmente alienate dalle cose spirituali e così moralmente corrotte che erano inadatte a comprendere correttamente la verità della divinità di Cristo. Ricordiamo dal Vangelo quanto fosse difficile per Cristo predicare tra gli ebrei e la quantità di scherno che ha dovuto sopportare dagli scribi male intenzionati che hanno sempre cercato di distorcere il significato delle sue parole  per evitare che le persone semplici credessero in Lui. Pertanto, la prima cosa che il nostro Signore Gesù Cristo ha dovuto fare è stata quello di convincere la gente a rivolgersi a Dio col pentimento, respingere i propri pregiudizi religiosi, e porre in sé i semi della vera fede. Per ottenere questo risultato, è stato necessario ispirarli verso un modo giusto di vivere, insegnare loro a perdonare, avere compassione e amore l'un l'altro.

Un tale cambiamento spirituale nel profondo intimo della società non avrebbe potuto essere realizzato da una minaccia o miracoli. In realtà, le manifestazioni della natura divina di Cristo, determinata da suoi miracoli in bonis, sollevarono nel popolo ebraico idee malsane sulla venuta di un regno messianico glorioso e potente sulla terra, in cui avrebbero dominato le altre nazioni. Per questo motivo sono stati vietati dal Signore a parlare dei miracoli che compì.

Al fine di realizzare il rinnovamento spirituale degli uomini e di renderli ricettivi alla vera fede, Cristo ha scelto di usare parole dolci e stimolanti e il suo esempio personale. Pieno di compassione per una razza umana che periva, egli si è impegnato a condividere le loro povertà, fardelli e dolori. Per guarire le ulcere morali, egli prese su di sé i loro peccati e li lavò via con il suo Sangue prezioso sulla Croce. Il risparmio della razza umana peccatrice, dal momento dell'incarnazione di Cristo per la sua sofferenza sulla Croce, è stato un lavoro di estremo volontario annientamento. Nelle parole di Paolo, "(Cristo) il quale, pur essendo di natura divina, non considerò un tesoro geloso la sua uguaglianza con Dio; ma spogliò se stesso, assumendo la condizione di servo e divenendo simile agli uomini." (Filippesi 2: 6-7)

Questo volontario annientamento del Messia viene così descritto dal profeta Isaia: "Non ha apparenza né bellezza per attirare i nostri sguardi, non splendore per provare in lui diletto. Disprezzato e reietto dagli uomini, uomo dei dolori che ben conosce il patire, come uno davanti al quale ci si copre la faccia, era disprezzato e non ne avevamo alcuna stima.  Eppure egli si è caricato delle nostre sofferenze, si è addossato i nostri dolori e noi lo giudicavamo castigato, percosso da Dio e umiliato.
Egli è stato trafitto per i nostri delitti, schiacciato per le nostre iniquità.
Il castigo che ci dà salvezza si è abbattuto su di lui; per le sue piaghe noi siamo stati guariti. Noi tutti eravamo sperduti come un gregge, ognuno di noi seguiva la sua strada; il Signore fece ricadere su di lui l'iniquità di noi tutti.  Maltrattato, si lasciò umiliare e non aprì la sua bocca; era come agnello condotto al macello, come pecora muta di fronte ai suoi tosatori, e non aprì la sua bocca.
 Con oppressione e ingiusta sentenza fu tolto di mezzo; chi si affligge per la sua sorte?
Sì, fu eliminato dalla terra dei viventi, per l'iniquità del mio popolo fu percosso a morte."? (Isaia 53: 2-8). Con queste parole conclusive il profeta si rivolgeva alle coscienze di coloro che respingevano il loro Salvatore, come se dicesse loro: vi allontanate con disprezzo da Gesù come Egli viene deriso e picchiato, ma capite, questo è a causa di voi peccatori che soffre così gravemente. Contemplate sua bellezza spirituale, e forse allora si sarà in grado di comprendere che Egli è venuto a voi dal cielo.


Fra Angelico, Discorso della Montagna ( 1436-1443) Museo di san Marco, Firenze

Mentre abbassava volontariamente se stesso per la nostra salvezza, Cristo tuttavia gradualmente rivelava il mistero della sua unione con Dio Padre a coloro che erano in grado di elevarsi al di sopra delle idee rozze dei loro contemporanei. Così, per esempio, ha detto ai Giudei: "Io e il Padre siamo una cosa sola " e così via.(Giovanni 10:30, 14: 9, 14:10, 17:10 e 14:23). Queste e altre espressioni simili indicano tutte la sua natura divina. Inoltre, Cristo gradualmente ha rivelato le caratteristiche della sua propria natura, che nessuno, ma solo Dio può possedere. Per esempio Egli ha fatto riferimento a se stesso come il Creatore quando disse: «Il Padre mio opera qui , e io lavoro" (Giovanni 5:17). E 'significativo il fatto che gli ebrei quando ebbero udito queste parole volevano lapidare Cristo come bestemmiatore, "perché non soltanto violava il sabato, ma ha detto anche che Dio era suo Padre, facendosi uguale a Dio" (Giovanni 5:18). Poiché non corresse la loro interpretazione delle sue parole, il Signore ha confermato che essi lo vedevano per come era realmente.

Altre volte, il Signore Gesù Cristo riferiva a se stesso come essere eterno. Per esempio, quando i Giudei gli chiesero "Chi sei tu?", Gesù rispose: "Che cosa vi ho detto fin da principio? " (Giovanni 8:25). Poco dopo ha aggiunto: "In verità, in verità vi dico, prima che Abramo fosse, Io Sono" (Giovanni 8:58). Qui si deve notare che Gesù non aveva detto "ero", come sarebbe stato grammaticalmente corretto nel contesto, ma piuttosto usato il tempo presente "Io sono", o più esattamente, "Io sono Colui che è." Il significato profondo di queste parole diventa chiaro quando si considera il significato originale ebraico. Quando Mosè chiese il nome di Dio presso il roveto ardente, il Signore rispose: "Io sono Colui che è" (YHWH). Il nome stesso "Colui che è" (YHWH) indica il segno caratteristico di Dio. Egli è Colui che esiste da sempre; Egli è l'Eterno. In riferimento a se stesso come "Colui che è" (YHWH), Gesù Cristo ha usato il nome ebraico di Dio. Va ricordato che il nome YHWH è usato a tale considerazione dagli ebrei che hanno usato solo nelle occasioni più importanti e solenni, mentre nel linguaggio comune hanno usato i nomi Signore, Creatore, l'Altissimo, il Beato, e così via.

Dopo la sua risurrezione dai morti, Cristo ancora ha indicato se stesso come eterno: "'Io sono l'Alfa e l'Omega, il Principio e la Fine,'' dice il Signore che è, che era e che viene, l'Onnipotente" (Rev. 1: 8). In altre occasioni ha chiamato stesso onnisciente, dicendo "Come il Padre conosce me, così io conosco il Padre" (Gv 10,15). Veramente l'essenza di Dio è al di là della comprensione di esseri finiti. Solo Dio può conoscere perfettamente la sua propria natura. Il Signore Gesù Cristo ha chiamato se stesso onnipresente quando disse: «Perché fino ad ora soltanto io, il Messia, sono venuto qui sulla terra e ritornerò in cielo... Perché dove sono due o tre riuniti nel mio nome, io sono in mezzo a loro" (Giovanni 3:13, Matt. 18:20). Anche in questo caso Cristo ha usato la parola è, il che significa che non solo era o sarà in cielo, ma Egli dimora anche lì costantemente.

Così, dal momento che egli condivide con il Padre di tutti gli attributi divini (creazione, l'eternità, l'onniscienza, onnipresenza, ecc), Gesù Cristo deve essere riconosciuto da tutti come uguale al Padre, come pure. "Tutti gli uomini dovrebbero onorare il Figlio come onorano il Padre. Chi non onora il Figlio, non onora il Padre che lo ha mandato" (Giovanni 5:23). Tutto ciò che è stato detto qui dovrebbe convincere una persona senza pregiudizi della verità indiscutibile, che Gesù Cristo è vero Dio del vero Dio, uguale al Padre per natura.

Anche se Gesù Cristo ha evitato di chiamarsi direttamente stesso Dio per non aizzare la gente inutilmente, ha fatto elogio a coloro che erano in grado di sollevare se stessi fino all'accettazione di questa verità. Così, per esempio, quando l'apostolo Pietro disse in presenza di altri Apostoli: "Tu sei il Cristo, il Figlio del Dio vivente," il Signore ha approvato la sua confessione di fede e ha aggiunto che Pietro era arrivato a una tale convinzione non solo dalle sue osservazioni ma da una illuminazione speciale dall'alto "Beato te, Simone figlio di Giona, perché né la carne nee il sangue ti hanno rivelato questo, ma il Padre mio che è nei cieli" (Matteo 16:. 16-17 ). Allo stesso modo, quando l'apostolo Tommaso, vedendo il Salvatore risorto, esclamò: "Mio Signore e mio Dio!" (Giovanni 20:28), Cristo non ha respinto il suo  affrontarlo in questo modo, ma ha leggermente rimproverato Tommaso per essere stato lento a credere. "Tommaso, perché hai visto me (risorto), tu hai creduto. Beati quelli che non hanno visto e hanno creduto" (Giovanni 20:29).

Infine ricordiamo che Cristo è stato condannato ad essere crocifisso proprio perché Egli ha formalmente ammesso la sua divinità. In effetti, quando il sommo sacerdote Caifa chiese a Cristo sotto giuramento: "Sei tu il Cristo, il Figlio di Dio benedetto", Cristo rispose: "E' come hai detto" (Marco 14:61, Matt 26:64, Luca 22. : 70, Giovanni 19: 7). Qui Cristo aveva risposto utilizzando il modulo prescritto di una risposta affermativa.

Ora  da dove Caifa, molti dei Giudei, e anche i demoni (!) prendevano l'idea che il Messia doveva essere il Figlio di Dio? C'è solo una risposta: dalle Sacre Scritture del Vecchio Testamento. Il suo intento era quello di preparare gli ebrei e il mondo intero per questa convinzione. In effetti, il re Davide, che ha vissuto mille anni prima della nascita di Cristo, cita il Messia come Dio in tre dei suoi salmi; Psalms 2, 54 (55), e 108 (109). Il profeta Isaia, che visse settecento anni prima della nascita di Cristo, ha rivelato questa verità ancora più chiaramente. Predicendo il miracolo dell'incarnazione del Figlio di Dio, Isaia scrisse: "Perciò il Signore stesso vi darà un segno: Ecco, la vergine concepirà e partorirà un figlio, e lo chiamerà Emmanuele" (che significa "Dio con noi, "Is 7,14). Poco dopo il profeta rivela più precisamente il carattere del Figlio che sarebbe nato: "e il suo nome sarà chiamato Consigliere ammirabile, Dio potente, Padre Eterno, Principe della pace" (Isaia 9: 6). Questi titoli non possono essere applicati a nessuno tranne Dio. Il profeta Michea ha scritto anche il carattere eterno del Bambino che doveva nascere: "Ma tu, Betlemme di Efrata, anche se tu sei piccola fra le migliaia di Giuda, da te uscirà a Me colui che deve essere il dominatore in Israele, le cui origini sono dall'antichità, dall'eternità "(Michea 5: 2).

Il profeta Geremia, che visse circa duecento anni dopo il tempo di Isaia, chiama il Messia Signore: "Il Signore è la nostra giustizia" (Ger. 23: 6, 33:16). Supponendo che Egli sia lo stesso Signore che lo chiamò a predicare, discepolo di Geremia, il profeta Baruch, scrisse queste parole straordinarie sul Messia: "Questo è il nostro Dio, e nessun altro può essere trovato a confrontare a lui ha trovato il modo completo. della conoscenza e ha dato a Giacobbe suo servo, a Israele suo amato seguito fu visto sulla terra, e ha parlato con gli uomini "(Bar 3:. 35-37).. In altre parole Dio stesso sarebbe venuto sulla terra e vivere tra gli uomini!

Alla luce di queste indicazioni concrete e delle Sacre Scritture, i più percettivi degli ebrei potevano senza esitazione riconoscere in Cristo il vero Figlio di Dio. (Per ulteriori dettagli su questo argomento vedi il nostro opuscolo "L'Antico Testamento sul Messia"). È interessante notare che, anche prima della nascita di Cristo,la giusta Elisabetta ha salutato la Vergine Maria, che aspettava il Bambino, con queste parole esultanti:. "Benedetta tu fra le donne e benedetto il frutto del tuo seno E perché è concesso a me che la madre del mio Signore venga a me? "(Luca 1: 42-43). Chiaramente, Santa Elisabetta non poteva avere altro Dio all'infuori di Lui che aveva servito fin dalla sua infanzia. Come San Luca Evangelista spiega con queste parole, Elisabetta non parlava da sola, ma con l'ispirazione dello Spirito Santo.

continua. Del Vescovo Alexander Mileant
apparso su PRAVOSLAVIE.RU
Articolo originale: http://www.pravoslavie.ru/english/74406.htm

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.