venerdì 17 luglio 2015

I santi Martiri Romanov e la Monarchia

I santi sofferenti della Famiglia Imperiale Romanov, i quali vissero il martirio nel giorno 17 luglio 1918 e canonizzati nel 1981 dalla ROCOR prima e dal Patriarcato di Mosca poi, ci offrono una serie di riflessioni che ho deciso di condividere con voi.


I santi martiri Nicola, Alessandra, Alessio, Olga, Maria, Anastasia e Tatiana, uccisi dai comunisti.
Sotto, la Chiesa sul Sangue Versato a Yekaterinburg ( Russia ) luogo ove i Romanov sono inumati e dove si tiene il loro culto

Innanzi tutto, la connessione fra la Monarchia e la Chiesa. La Chiesa cristiana dei primissimi secoli ( I-IV ) soffrì mostruosamente da parte degli imperatori pagani. Dal pio imperatore Costantino il Grande fino all'età contemporanea, invece, la Chiesa riuscì a convertire i monarchi e li rese cristiani. I regni barbarico-romani del Medioevo furono i principali promotori delle Missioni e dell'evangelizzazione dei propri popoli, gli imperatori bizantini e franchi furono spesso portatori di tragiche eresie, ma nell'arco dei secoli il Nobile, il coronato, ha sempre guardato alla Chiesa come maestra. Da parte sua, la gerarchia ecclesiastica legò i giuramenti umani al Divino creando i rituali di incoronazione nei quali si emula l'unzione operata dal profeta Samuele sul santo re Davide.  Uno dei drammi della Chiesa, si può dire, è stato quello di vedere i monarchi secolarizzarsi. Nel 1918 gli ultimi rappresentanti di questa tradizione bimillenaria erano l'Imperatore d'Austria Francesco Giuseppe ( ora beato per la chiesa romana ) e l'Imperatore Nicola di Russia, entrambi morti prima della fine della Grande Guerra. L'eredità della forza "imperiale" o meglio, dispotica, fu ereditata dai movimenti fascisti europei e dal comunismo sovietico il quale ben presto assunse una forma ben poco "operaia" e molto accentratrice. In particolare, l'opera di Corneliu Z. Codreanu in Romania è da ricordarsi come un esperimento di comunitarismo mistico nel quale convivevano aspirazioni popolar-contadine, ortodossia, fedeltà ai valori monarchici e fascismo colto. Il re filo-nazista Boris di Romania uccise Codreanu con un processo farsa accusandolo di Fascismo e poi si diede, di fatto, nelle mani di Hitler. 
La domanda è: chi è il monarca cristiano? 
Il monarca cristiano è colui che riceve dalla Chiesa il potere di legiferare e di reggere il popolo secondo giustizia. La bellissima preghiera del rituale latino per l'incoronazione dei re dice:
<< Vescovo: ( sull'ampolla) o Padre Celeste, Tu che con l'Olio hai unto i tuoi re, i tuoi profeti e i tuoi sacerdoti, degnati di + ( sul crisma ) benedire questo tuo servo N. con l'unzione del Crisma e rendilo nostro Re. Conservalo nella Fede, donagli lo Spirito di Pietà. lo Spirito di Fortezza, lo Spirito Consolatore, lo Spirito della Sapienza e della Rettitudine. Per Cristo, nostro Signore. >>

Il sito della Parrocchia Russa di Torino ci ha lasciato un importante pezzo di Ivan Solonevich e del suo saggio Monarchia Popolare che mi sento di condividere con voi per la sua profondità vedute, nelle quali mi rivedo molto.

L'umanità è entrata nella grande festa d'inizio del ventesimo secolo in uno stato di giubilo ottimista. Entro la metà di questo secolo, è diventato chiaro che il programma europeo di conquista era significativamente peggiore rispetto ai corrispondenti piani dei mongoli nel XIII secolo. I mongoli erano venuti semplicemente a saccheggiare, mentre l'Europa illuminata aveva impostato un ordine del giorno per schiavizzare fisicamente metà della popolazione della Russia e distruggere fisicamente la sua altra metà. Sembra che proprio questo sia chiamato progresso politico e morale, realizzato in pratica attraverso i lunghi sforzi secolari dei vari Cartesio e Kant.
L'esperienza della prima metà del XX secolo, così come l'esperienza dei periodi precedenti, ha dimostrato con chiarezza assoluta l'incapacità delle democrazie di combattere, o per lo meno che lo Stato democratico è totalmente non adattabile a risolvere le questioni di guerra e pace. Le questioni di guerra e di pace nel nostro caso russo sono questioni di vita o di morte. Infatti, se le guerre europee erano destinate alla lotta per qualche "successione", o all'egemonia politica degli Asburgo, dei Borboni, degli Hohenzollern o dei Wittelsbach, allora i ripetiamo ancora una volta – le guerre che hanno coinvolto noi russi sono state praticamente guerre di vita o di morte, che inoltre nel XX secolo hanno preso una forma ancora più acuta rispetto a quelle del XIII.
Facendo uso della sua inaccessibilità geografica, la Gran Bretagna, la classica democrazia in Europa, ha condotto le sue guerre quasi esclusivamente attraverso forze mercenarie. Gli "inglesi" che combattevano per l'Inghilterra nella penisola di Crimea erano reclutati in parte significativa ad Amburgo. La Francia, divenuta una repubblica, utilizza la Legione Straniera, la formazione con più capacità di combattimento dell'esercito "francese". Sikh e gurkha, marocchini e africani sub-sahariani erano la "carne da cannone" che il capitale democratico poteva – attraverso vari mezzi – comprare in tutte le parti del mondo. In Russia non abbiamo mai conosciuto eserciti assoldati, e non abbiamo carne da cannone da noi acquistata.
Nella prima guerra mondiale, le due forme di governo individuale – le monarchie tedesca e russa – in varie condizioni e in vari settori, si sono dissanguate, e sono rimaste solo le democrazie per dare il colpo di grazia ai vinti. Nella seconda guerra mondiale, le altre due forme di dominio personale, le dittature di Stalin e di Hitler, hanno deciso l'esito della guerra. Il "secondo fronte" è stato artificialmente ritardato fino al momento in cui la Wehrmacht non aveva più munizioni per i suoi fucili. Entrambe le guerre sono state vinte da due regimi diversi, ma comunque autoritari. La democrazia ceca si arrese senza sparare un colpo. La democrazia francese fuggì dopo diversi colpi, e le democrazie più piccole difficilmente eiuscirono a combattere del tutto. L'unica eccezione degna di battaglia risultò essere il Granducato di Finlandia, sotto il comando del generale russoCarl Mannerheim. A parte questo, la guerra sovietico-finlandese era essenzialmente solo una parte della nostra guerra civile che ha avuto inizio sul territorio finlandese nel 1918 e non ai era ancora conclusa nel 1939-40.
Per uno sviluppo pacifico del paese, la democrazia di Kerenskij era incomparabilmente migliore della dittatura di Stalin. Ma Kerenskij avrebbe perso la seconda guerra mondiale proprio come ha perso la campagna del 1917. Al tempo della "mobilitazione" dell'economia degli Stati Uniti per le esigenze della guerra futura, governatore di New York Dewey impose la sua stessa nomina come "imperatore economico" dell'America. In quel momento Truman annunciò al Senato e al Congresso che, in caso di necessità poteva fare a meno di ulteriori stanziamenti e rivolgersi al popolo americano. Da questo possiamo concludere che, secondo le nozioni del presidente degli Stati Uniti, né il Senato né il Congresso rappresentano la volontà della nazione.
Parlando per noi stessi, non possiamo adottare il meccanismo politico statunitense ("la macchina politica"), senza commettere un suicidio nazionale garantito. Indipendentemente dal fatto che questa macchina sia buona o cattiva in sé, non possiamo permettere tale inflessibilità, tale lentezza, tali errori politici mostruosi, e così tanto tempo per dispute, riflessioni, decisioni e per il loro differimento. Per tutti gli undici secoli della nostra storia, siamo stati in uno stato di guerra o sulla soglia della guerra. Non vi è alcuna base per pensare che in futuro questo sarà altrimenti. E potremmo appoggiare le nostre teste sui resoconti stenografici di una futura Società delle Nazioni e sprofondare in quello che sarà il nostro ultimo sonno.
Un'autorità forte e decisa è necessaria. Questa può essere la monarchia oppure la dittatura - il potere per grazia di Dio, o per sofferenza da lui permessa.

In sintesi: il Cristiano deve essere monarchico? secondo me

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.