martedì 8 marzo 2016

San Martino di Braga sul Battesimo

Il santo vescovo Martino di Braga (+580 d.C.), uno dei tanti santi "visigoti", ossia ispanici, espose in un trattatello noto come Trina Immersiune la corretta prassi del Battesimo, rispondendo ad un suo confratello nell'episcopato, Bonifacio. Braga fu uno dei cosìdetti "patriarcati latini" fino al XVI secolo e oltre, avendo anche un rito proprio, andato perduto

E' totalmente falso ciò che ti è stato riportato in merito a certi sacerdoti del mio paese i quali battezzerebbero i fedeli una volta sola invece che tre. (...) Tu dici che la tripla immersione unita alla triplice invocazione (della Trinità) è un costume certamente Ariano. Io ti rispondo  che essere immersi tre volte, chiamando ciascuna volta il nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo è una antica tradizione apostolica, che i sacerdoti di questa provincia possiedono in forma scritta, passataci dai decreti del Vescovo di Roma. Lo stesso costume viene mantenuto a Costantinopoli in data della Pasqua, alla presenza dei delegati della corte imperiale. Abbiamo letto anche la lettera del Beato apostolo Paolo, che dice: una sola fede, un battesimo, un Signore. (1) nonché l'esposizione del beato Giacomo, nel quale espone anch'egli del costume della triplice immersione invocando un sol nome (2). Se vuoi vederlo, il libro stesso esiste ed è scritto su un papiro molto antico, di proprietà del nostro venerabile fratello il padre Auxentio. Allo stesso modo, negli Atti di Silvestro una visione comandò a Costantino (3) di immergersi tre volte. Alcuni, udendo le parole dell'Apostolo "un battesimo", hanno inteso erroneamente che si riferisse ad un'unica immersione a figura dell'Unità della Fede Universale; avvicinandosi ai costumi degli Ariani, i quali come noi battezzano immergendo tre volte, ma in un solo nome, essi hanno cambiato poi il rito immergendo (i catecumeni) una sola volta in un solo e unico nome, non realizzando che l'unità della sostanza è rivelata non nell'unico nome, ma nella distinzione delle tre persone nella tripla immersione, in modo tale che - come crediamo rettamente - mostriamo la singola sostanza della Divinità distinta nelle tre persone. 

--------------------------------------------------------------------
NOTE:

1) Epistola Vigilii ad Profuturum ( Patrologia Latina, 69.15-19) 

2) Un sol nome si intende la Trinità. La citazione è della Lettera contro Luciferiano, cap. XII PL. 23.166-167, San Giacomo presbitero.

3) san Costantino il Grande, primo imperatore romano cristiano. 

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.