giovedì 1 dicembre 2016

La Chiesa Bulgara ufficialmente rifiuta il Concilio di Creta

Abbiamo seguito la polemica preconciliare delle Chiese "dissidenti" di Georgia, Mosca, Bulgaria e Antiochia con Costantinopoli negli articoli dei mesi estivi, e adesso la testata The Sofia Globe presenta un articolo nel quale il Patriarcato di Bulgaria espone il proprio rifiuto delle disposizioni del Concilio di Creta.

Il Santo Sinodo della Chiesa Ortodossa Bulgara ha ufficialmente rigettato le risoluzioni e i documenti del Concilio di Creta, noto come Concilio Pan-Ortodosso, come è stato annunciato il 29 novembre da un rappresentante del Patriarcato. Come ricorderete, dal momento che Costantinopoli non accolse le richieste del Sinodo bulgaro, la Chiesa Bulgara non prese parte al Concilio Pan-Ortodosso di giugno. Nel documento bulgaro del 29 novembre, è stato scritto che "questo sinodo (di Creta) non è Grande,  né universale, né pan-ortodosso" . Il documento bulgaro ricorda inoltre come alla sinassi fossero presenti ospiti e agenzie di informazione eterodossi (in special modo cattolici e anglicani). E' stato ricordato, inoltre, come trentatré padri conciliari si siano rifiutati di firmare il documento "Relazioni della Chiesa Ortodossa col resto del mondo cristiano". 


Il patriarca Neofito di Bulgaria

Il Sinodo Bulgaro è molto preoccupato dalla ricerca di Unità fra cristiani che pare il Concilio abbia sponsorizzato: in breve, il documento bulgaro ricorda come non può esservi unità di fede fra cristiani se tutti non confessano i medesimi dogmi. Inoltre, viene detto che molti documenti cretesi contengono errori dottrinali e dogmatici, oltreché manchevoli dal punto di vista canonico. 

Ad ogni modo, la Chiesa Ortodossa Bulgara non ha manifestato intenzioni scismatiche, ricordando come essa rimarrà in Comunione con tutte le Chiese Ortodosse, sia che abbiano partecipato all'evento di Creta, sia che non vi abbiano partecipato. 


Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.