giovedì 1 dicembre 2016

Preghiera a san Varo il soldato per i morti non-ortodossi


San Varo Ieromartire, egiziano del IV secolo

In Italia sono moltissimi coloro che hanno un terribile dilemma: possiamo pregare per i nostri cari, parenti e amici, che non sono ortodossi? Se la risposta nell'immediato è "certamente", dal punto di vista liturgico ogni Chiesa Locale affronta il problema in modo diverso: perfino fra parrocchia e parrocchia vi sono differenze. Alcuni sacerdoti, infatti, non accettano di commemorare i nomi dei non-ortodossi (defunti o vivi che siano) mentre altri non si fanno problemi a inserire i nostri cari nella proscomidia. Quando siamo a casa, tuttavia, possiamo pregare comunque per i nostri cari non-ortodossi: la Chiesa ha passato in molti eucologi la preghiera al santo ieromartire Varo.


PREGHIERA A SAN VARO PER I MORTI NON-ORTODOSSI

Dopo le preghiere iniziali, con devozione: 

O santo, mirabile martire Varo, che infuocato di zelo per il Re dei Cieli, lo hai confessato davanti ai tuoi torturatori e molto hai sofferto per lui! Ora la Chiesa ti venera come uno glorificato con la gloria del cielo da Cristo il Signore, che ti ha dato grazia abbondante per rivolgerti a lui con coraggio. E ora, stando di fronte a lui assieme agli angeli, nella gioia dell’alto, contemplando chiaramente la santissima Trinità, e godendo della luce increata, ricordati delle sofferenze dei nostri parenti che sono morti al di fuori della Fede, e accetta le nostre suppliche, e come hai interceduto per gli antenati non credenti di Cleopatra e li hai liberati dalle eterne sofferenze, ricorda quelli che sono morti non battezzati e sono stati sepolti in modo empio, e prega con zelo che possano essere liberati dall’oscurità eterna, affinché tutti possiamo, con una sola bocca e con un solo cuore, lodare il misericordioso Creatore nei secoli dei secoli. Amen.


Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.