giovedì 5 ottobre 2017

Dogma, Teologumeno e Parere teologico: fondamenti della Dogmatica

Qual è la differenza fra un dogma, un teologumeno e un parere teologico? Risponde il manuale per il seminario Dogmatica Ortodoxa.

Il Dogma

I dogmi, (dal greco δόγμα, dógma; essa deriva dal verbo δοκέω, dokéo, ossia "ritenere" e imparentato col latino doceo, "insegnare") sono, nel linguaggio teologico cristiano e ortodosso, le verità di Fede, verità rivelate e intangibili, sicure e perfette, imprescindibili per la corretta espressione della fede, del culto e dell'essere credenti, giacché furono formulati dalla Chiesa per la difesa stessa del Cristianesimo nella sua forma dottrinalmente pura (in greco ὀρϑοδοξία, orthodoxìa, "retta opinione"). I dogmi sono compresi nella Rivelazione di Dio, nella Santa Scrittura e nella Santa Tradizione, secondo l'insegnamento dei Padri. 

I dogmi, benché implicitamente contenuti nella Rivelazione di Dio a opera del nostro Signore Gesù Cristo e nei testi biblici, sono stati spesso formulati dai Concili della Chiesa lungo la Storia per controbattere eresie e mostrare la retta via agli erranti. Il Concilio è la riunione di tutti i vescovi, prelati, sacerdoti e intellettuali cristiani, benedetta dallo Spirito Santo, per discutere di grandi problemi teologici che minano la salute e l'unità della Chiesa di Dio. I Concili ritenuti Ecumenici, ossia Universali, sono sette, e in questi sette Concili fu formulata la Fede Ortodossa. Il carattere indelebile e sacro del dogma si manifesta nel totale accordo fra i Padri e la Tradizione, nonché l'esperienza viva della Chiesa, nella predicazione del dogma stesso. Il Cristiano è considerato tale quando crede e professa tutti i dogmi della Chiesa Una, Santa, Universale e Apostolica nella sua fede Ortodossa.


Chiesa cattedrale della Santa Trinità alla Lavra di Pochaev (Ucraina)

Il Teologumeno

Per teologumeno si intende una un parere teologico che può essere base per un futuro dogma, giacché è contenuto in molti scritti patristici lontani nei tempi e nei luoghi, manifestandosi dunque come opinione diffusa. Molti teologumeni sono concezioni dei Misteri o dell'esistenza umana formulate dai grandi Maestri come san Basilio Magno, san Gregorio Magno, o san Giovanni Crisostomo: i teologumeni generalmente sono ritenuti validi e corretti dalla maggior parte dei teologi e dei Padri che ci hanno preceduti, con dunque consenso unanime della Chiesa circa l'espressione teologica posta in essere. Il teologumeno, a differenza del dogma, non è correlato all'obbedienza allo stesso, ossia, in altre parole, non è necessario credere al teologumeno per considerarsi ortodossi, essendo una scelta soggettiva, e appunto non dogmatica, prestare fede al teologumeno. 

L'opinione teologica

L'opinione teologica è una convinzione o idea particolare di un teologo o di un Padre della Chiesa che è considerata assolutamente soggettiva e parziale, sebbene sia rispettata, giacché non è presente nella Rivelazione. 

------------------------------------------------
TRADOTTO DA: Dogmatica Ortodoxa, manual pentru seminarile teologice, Editura Renasterea - Cluj Napoca, 2005, AA.VV.

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.