sabato 3 gennaio 2015

Perchè l'Icona della Sacra Famiglia è eretica - Riflessioni di un clerical chic

Salve a tutti!
Come sempre per questa rubrica, ho scelto un modo di comunicare semplice e privo di fronzoli, senza tutte le note e contronote con le quali vi ho assuefatti ai miei articoli "normali". Visto che ci avviciniamo al Natale ( quello vero )  l'argomento clerical-chic di questo mese è la << icona >> della Sacra Famiglia. La raffigurazione della Santa Famiglia ( Maria Vergine, San Giuseppe suo casto sposo, e NSGC ) nasce nel devozionismo cattolico romano dei secoli scorsi. ORA, già le paroline "cattolico" e "romano" dovrebbero far drizzare le antennine del nostro cervello, eppure, poichè viviamo in Italia, viviamo in mezzo ai cattolici ( nulla contro i cattolici, eh, sia chiaro ), e siamo comunque ( e diciamocelo una buona volta ) di cultura latino-cattolica, speso ci lasciamo confondere dalla somiglianza a quello che è l'orientalissima icona. Perché difatti, come dico sempre, c'è un bel confine fra "orientale" e "ortodosso" che non sempre coincide col primo, ad esempio quelle strane robe che fanno i moldavi quando dondolano il cibo sulla tavola - a me ricorda un po' lo spiritismo - per "chiamare lo Spirito Santo". E spesso, pur di voler sembrare integrati e tutto quanto, finiamo per assimilare anche ciò che non è Ortodossia, ma solo strato culturale. 


Ok, dopo questa piccola parentesi, torniamo a noi. La raffigurazione pittorica della Sacra Famiglia dicevamo è una devozione cattolico-romana, nata nel contesto della pittura e non dell'iconografia - a me piacciono i quadri religiosi, eh, mica dico di no - ma questi due campi sono molto diversi. Mentre la pittura, anche classica, ha la libertà delle forme e del contenuto ( difatti parlerei di pittura religiosamente ispirata, più che di pittura religiosa ) l'iconografia ha dei canoni, ossia delle regole delimitative ben precise e strutturate. Quando il mio padre spirituale buonanima mi spiegò il senso dell'abbraccio in iconografia, rimasi molto colpito. In Iconografia, l'abbraccio fra due uomini o fra due donne significa Fratellanza, quindi è un abbraccio casto, un amore fraterno ( cfr. icona dei santi Pietro e Paolo o di Cirillo e Metodio ). Invece, nel caso di una coppia maschio-femmina, l'abbraccio significa MATRIMONIO CONSUMATO. ( vedasi icona di Santi Gioacchino e Anna genitori della Santissima Vergine ). Ora, cosa capisce un occhio ortodosso - o un minimo allenato all'iconografia? che La Santissima Madre di Dio e il santo Giuseppe suo castissimo sposo non sarebbero stati così casti, e se tra l'altro mi poni Gesù nel mezzo della coppia, significa che quel Gesù è il figlio del rapporto dei due sovracitati. E tutto questo, amici miei, è ERESIA TOTALE. Quindi, cari miei, prima di comprare icone fatte male o semplicemente eretiche, pensateci su un attimino e chiedete al vostro iconografo di fiducia.
E ricordate che i quadri religiosi NON sono icone e che un quadro della Santa Famiglia, riportante lo stesso tema, non sarebbe eretico, proprio perché non è una icona.

Spero d'aver reso un servizio utile con questo articoletto. A presto per altre  riflessioni clerical-chic. 




6 commenti:

  1. Caro amico! Pochi giorni fa nel Duomo di Milano ho sentito non "San Giuseppe, Suo castissimo sposo", ma "San Giuseppe, suo sposo". C'e' di marcio...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Secondo me sì, cara Xenia, siamo davvero alla frutta :)

      Elimina
  2. Caro Marco,(secondo me) anche se solo nel contesto della pittura (peggio ancora del iconografia) è sempre un eresia.Perché oltre a dare modo a in fraintendimenti non riporta la verità su quella che chiamano "La Sacra Famiglia" questo "disegno" "lo stano riportando anche nelle scuole elementari nel ora della religione,a prescindere se è o non è un icona,è sbagliato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo che lo è, però noi non possiamo imporre ai cattolici di credere alla Verità. Noi possiamo solo affermarla. I Cattolici sanno bene quella che è la Verità, ossia il Credo della Chiesa Ortodossa, e tutto ciò che viene da noi. Noi ortodossi possiamo dire "questo è buono, questo no" ( come ho provato a fare io) ma non possiamo imporre la Verità. Personalmente, credo che anche il Sacro Cuore sia un simbolo sbagliato, nestoriano.

      Elimina
  3. Buona giornata, vorrei ringraziare del suo articolo di tanto aiuto ed importanza, in Grecia Ortodossa che affronta pressioni (per usare un termine modesto) che superano tutti i limiti, ci sono botteghe di icone alla maniera greca alle quali Vaticano ordina il tema della Sacra Famiglia e loro proseguono... non possiamo imporre, ha completamente ragione, solo affermare e stare in vigilanza. Mi servirebbero note bibliografiche sul tema siccome tranne Garrucci Raffaele non ho trovato altro fin ora, in caso che abbia sotto mano le sarei grata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buongiorno a lei! Sinceramente, le mie uniche fonti sono i miei colloqui con amici iconografi. Non posso darle riferimenti, solamente posso dirle di parlare con un buon iconografo.

      Elimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.