lunedì 11 gennaio 2016

Perché baciamo le mani dei sacerdoti?

Quella che segue in forma di articolo è una opinione personale del blogger, non è un articolo di teologia, e risponde al quesito postomi da un caro amico sul perché "dobbiamo" baciare le mani dei preti. Innanzi tutto, diciamo che non "dobbiamo", ma "possiamo". Nel Cristianesimo, nell'Ortodossia soprattutto, nulla è "obbligatorio" ma tutto è atto d'amore volontario, altrimenti non è autentico. Dunque, perchè si fa?

E' spontaneo riverire un sacerdote che riteniamo santo e che è saggio e anziano, in qualche misura. Io personalmente non mi vergogno neppure di baciare le mani delle mogli dei preti, cosa che fa arrossire i miei compagni di merende perché "queste usanze dell'Est" non sono da ricopiare in Italia.
Ma perché, qualcuno potrebbe domandare, dobbiamo baciare la mano di un prete più giovane di noi... e a me ( a me!) è capitato di avere dinnanzi sacerdoti veramente giovanissimi, anche se non ci crederete, che sono più giovani di me. 

Il bacio della mano non è prerogativa del clero. Baciamo le icone, certamente, le reliquie, ma anche forse non baciamo le nostri mogli e i nostri mariti, i parenti, gli amici, manifestando quindi l'Amore tanto a Dio e ai suoi santi, quanto a coloro che su questa terra ci portano affetto? sicuramente sì. Il bacio è un atto d'amore. Per i Santi Padri la bocca è uno dei "luoghi" sacri del corpo, poiché ha contatto con il Corpo e il Sangue di Cristo nell'Eucarestia, e perché, come dicevo poco sopra, attraverso i teneri baci si manifesta l'amore umano. E' importante capire quindi che nel mangiare, nel parlare, e in tutti gli altri usi della bocca, noi usiamo un membro sacro del nostro corpo, e quindi dobbiamo cercare di usarla in armonia: la bocca bacia la mano il sacerdote. Ma perché?

Quando salutiamo i sacerdoti noi non veneriamo l'uomo che abbiamo di fronte, ma il suo ufficio, il suo ruolo, e la Tradizione che egli porta con sé: noi baciamo i santi confessori di ogni tempo, i santi gerarchi e i pii vescovi che hanno preceduto i nostri sacerdoti nel santo Mistero del servizio sacerdotale. Noi veneriamo il servizio divino che in quelle mani si compie ineffabilmente e senza che l'uomo ne possa comprendere a fondo l'essenza. 

2 commenti:

  1. Aggiungo anche che baciamo proprio la mano destra, e non un altra parte del corpo, perchè da essa, quando il sacerdote ci benedice, viene elargita la grazia di Dio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. giustissimo. Ma non volevo si pensasse che io sia un cripto-tridentino che dice ste cose ;)

      Elimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.